Le visualizzazioni aiutano a raggiungere i tuoi obiettivi

Pensiero positivo/ Tutti gli articoli
Share on Facebook24Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Tweet about this on Twitter

Da quando ho deciso di cambiare vita avvicinandomi alla medicina naturale, una parte del mio tempo lo dedico a scrivere gli obiettivi che voglio raggiungere. Questo passaggio è fondamentale: se non ho le idee chiare mi è difficile ottenere risultati. Il bello però viene ora. Come raggiungo questi obiettivi?

Una delle tecniche che utilizzo maggiormente è la visualizzazione.
In sostanza la nostra mente non riesce a distinguere quello che accade realmente da quello che immaginiamo. In che senso? Cerco di essere più chiara. Se hai il terrore di volare, solo il pensiero di salire su un aereo ti fa sudare, il battito cardiaco accelera, il respiro diventa più affannoso e lo stomaco si attorciglia. Non ti serve vedere un aereo per far scatenare tutto questo: basta solo immaginarlo! Ti è mai capitato di fare un sogno spaventoso e di svegliarti grondante di sudore e immerso nel panico? Eppure non è reale, ma le sensazioni e le emozioni che provi lo sono a tutti gli effetti.

Il fatto è proprio questo: per ottenere una certa realtà, devi istruire la tua mente visualizzando ciò che vuoi. Devi farlo nei minimi particolari utilizzando tutti i cinque sensi. Naturalmente vale anche in negativo, quindi è importante non visualizzare e non dire frasi tipoio non voglio ammalarmiio odio essere ammalatotu mi fai ammalare… Perché? Se ti dico che non ti è permesso pensare a un toro rosso con un fiocco giallo in testa, che cosa vedi? Dai, non barare! La tua mente ha visto proprio quello che ti ho detto di non pensare, quindi attenzione a ciò che visualizzi.

Vuoi comprendere meglio la visualizzazione?

Segui questo esempio.

Per prima cosa scegli un obiettivo: andare a camminare tre volte a settimana per 15 minuti. A questo punto, prima di addormentarti (o quando ti fa più comodo) chiudi gli occhi e pensa all’ora e al giorno in cui andrai: immagina di guardare l’orologio e il calendario di casa tua. Pensa a cosa indosserai e visualizzati mentre ti vesti nei minimi particolari. Immaginati che tempo farà, le sensazioni che avrai durante la camminata. Raffigurati mentalmente il percorso: cerca di percepire tutto ciò che vedrai, sentirai e odorerai… la sensazione dell’aria sul viso. Rappresentati felice e vitale, con la voglia di fare ciò che stai facendo.
Fai questo esercizio per più settimane: naturalmente è importante segnarsi la data di inizio per focalizzarla.
La mente, se hai lavorato bene, avrà familiarizzato con la situazione e sarà predisposta all’azione, supportandoti nel raggiungimento dell’obiettivo.

Se fatichi a visualizzare o vuoi capire meglio l’argomento, eccoti due link che ti aiuteranno nell’intento: cocooa/visualizzazione – puoiguarirelatuavita/come imparare a visualizzare nelle meditazioni

E tu, ti sei dato degli obiettivi da raggiungere?

In questo articolo ti suggerisco come raggiungere i tuoi obiettivi e cambiare così il tuo futuro. Oltre a credere che lo puoi fare, hai anche bisogno di visualizzarlo. Sei d’accordo? Lascia la tua opinione nei commenti.

Share on Facebook24Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Tweet about this on Twitter

7 Commenti

  • Rispondi
    Angela Ghirardini
    13 novembre 2018 at 14:01

    Hai fatto l’ esempio giusto per me!!!!
    E se il mio obiettivo più reale fosse una dieta?
    Come dovrei fare?
    Ciao Elena!

    • Elena Castellari
      Rispondi
      Elena Castellari
      17 novembre 2018 at 19:29

      Ciao Angela, ma che piacevole sorpresa! 🙂

      Se l’obiettivo è cambiare le tue abitudini alimentari o seguire una dieta "particolare" puoi usare le visualizzazioni per far andare la mente e il corpo nella stessa direzione. L’importante è procedere a piccoli passi.
      Per prima cosa decidi quale abitudine vuoi cambiare. Per esempio, vuoi eliminare la voglia di cioccolato a fine pasto?
      Ecco i passaggi che devi seguire (estrapolati dal libro di Jon Gabriel "Il Metodo Gabriel – Dimagrisci con la Visualizzazione senza diete").

      "Calma dolcemente la tua mente e scivola in uno stato meditativo; associa ora il dolce a una tavoletta di fango disgustoso e puzzolente. Immaginati ora nell’atto di mangiare il dolce che vuoi eliminare. Dopo averne addentato un boccone, osservalo e nota cosa è cambiato. In realtà si tratta di fango e non di cioccolato; forse all’interno brulica di vermi. Sputa subito il boccone che hai in bocca e getta a terra l’alimento.
      Senti che tutte le cellule del tuo corpo stanno pronunciando all’unisono le parole: «Questo cibo è disgustoso, è rivoltante.»
      Va ricordato che questo tipo di visualizzazione non si rivolge propriamente alle cause profonde di un problema. Potrai infatti scoprire di non aver bisogno di questo metodo, perché un altro genere di lavoro interiore che stai svolgendo si prenderà cura delle tue voglie e dipendenze alimentari.
      Tuttavia questo approccio può essere utile nel caso in cui tu voglia accelerare i cambiamenti che stai facendo o se stai lottando contro una grave dipendenza da alimenti. Non c’è modo migliore di liberarsi di un’abitudine se non quello di sviluppare una repulsione verso la sostanza in questione."

      Interessante, vero? Provare per credere!
      Fammi sapere com’è andata… ci conto.
      Un grande abbraccio

  • Rispondi
    Maria
    2 gennaio 2019 at 8:16

    Ciao Elena, è se il mio priblema è voler aiutare il mio corpo a guarire da un tumore? La mia mente come può aiutarmi. Grazie

    • Elena Castellari
      Rispondi
      Elena Castellari
      5 gennaio 2019 at 21:14

      Cara Maria,
      grazie per esserti rivolta a me, ne sono davvero onorata.
      Sono tanto dispiaciuta per la tua situazione. Non ho esperienze personali a riguardo, ma sull’argomento ho letto e visto alcuni video di Roy Martina che a mio avviso possono fare al caso tuo.
      Ti consiglio in particolare il libro “L’arte della vitalità”; trovi un abbondante anteprima a questo link:

      https://books.google.it/books?id=yNEbxycS_gIC&pg=PA91&lpg=PA91&dq=roy+martina+tumori&source=bl&ots=3Gh9aOVqqr&sig=ztQPzi1UUOEz8FVAUZZuVWMYc4w&hl=it&sa=X&ved=2ahUKEwiAgu2lpNffAhUQyIUKHaG4CrQQ6AEwEXoECAEQAQ#v=onepage&q=roy%20martina%20tumori&f=false

      Credo sia il più specifico per il tuo caso. Su youtube puoi trovare anche molte interviste e video di questo medico e psicologo esperto di Kinesiologia.
      Inoltre in fondo al mio articolo che hai letto trovi il link per l’acquisto di un cd sulle meditazioni. È decisamente ben fatto. L’ultima traccia, la dodicesima, è intitolata “Prevenzione mentale anticancro”.
      Tieni sempre presente che questi strumenti possono essere utili se affiancati ad un certo stile di vita e regime alimentare, oltre a seguire le indicazioni del team medico che immagino ti stia seguendo.
      Il tuo desiderio di guarigione è una delle tue armi più importanti, quindi non demordere, mi raccomando!
      Ti auguro il meglio e soprattutto di sconfiggere al più presto il tuo tumore.
      Mi farebbe molto piacere se tu mi tenessi aggiornata.
      Un grande abbraccio

  • Rispondi
    Maria
    2 gennaio 2019 at 21:47

    Il mio obiettivo è aiutare il mio corpo a guarire

  • Rispondi
    Maria
    7 gennaio 2019 at 12:35

    Grazie mille Elena, per la tua gentile risposta. Seguirò le indicazioni che mi dai, lo stile di vita e una giusta alimentazione sono anche neiiei programmi. Ti scriverò ancora. Un forte abbraccio

    • Elena Castellari
      Rispondi
      Elena Castellari
      7 gennaio 2019 at 20:07

      È stato un piacere, Maria. 🙂
      Avanti tutta! Ti aspetto.
      Un bacione

    Cosa ne pensi? Lascia un commento!

    AVVERTENZA

    L'autrice non può essere ritenuta responsabile per l'eventuale uso improprio ed errata comprensione delle informazioni fornite in questo blog, o per qualsiasi danno o lesione alla salute, alle finanze o di altro genere, subiti da qualsiasi individuo o gruppo che ritenga di aver agito in base alle informazioni contenute in questo blog. Tutti i suggerimenti e le opinioni inseriti da me in questo sito hanno finalità divulgative e non intendono sostituire il parere del medico igienista. Sconsiglio pertanto il fai da te e la sospensione autonoma di eventuali cure mediche e/o farmacologiche. Inoltre, prima di provare terapie e prodotti naturali o cibi particolari, occorre accertarsi che questi non interferiscano con altri rimedi (medicinali e non) già in uso e che siano compatibili con eventuali intolleranze o allergie. Se il lettore nutre dubbi sul proprio stato di salute è bene che si rivolga al medico in grado di avere tutte le conoscenze e competenze necessarie allo scopo. NOTA. A tutti coloro che si avvicinano alle pratiche naturali, segnalo che gli igienisti (fra cui il dott. Ettore Hyeraci) promuovono l’autogestione della propria salute; si precisa comunque che tale condizione necessita di una preparazione adeguata conseguibile con specifiche letture e partecipazione a seminari o incontri specifici.

    Ti potrebbe interessare