Per le malattie croniche c’è una dieta ad hoc

Alimentazione naturale/ Tutti gli articoli
Share on Facebook70Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Tweet about this on Twitter

Se mi segui, forse già sai che negli ultimi mesi sto litigando con una spiacevole orticaria che uno specialista ha diagnosticato come “orticaria cronica spontanea”.

Per chi ha necessità di avere a riguardo definizioni e contenuti di natura più “tecnica”, lo rimando alla fine dell’articolo; mentre ora vado subito al dunque raccontandoti come l’ho risolta.

La mia soluzione del problema

In un precedente articolo ho spiegato il mio avvicinamento al Recaller test e alla conseguente dieta incentrata sulle tolleranze.
Come promesso, ecco un aggiornamento della mia situazione.

Attualmente sono alla quinta settimana di dieta… o meglio, di dieta a rotazione. Vuoi sapere in cosa consiste?
In pratica nelle prime 4 settimane si devono consumare tutti i giorni pasti solo con gli ingredienti consigliati, ad eccezione di 1 giorno infrasettimanale (per esempio il mercoledì) e dei 4 pasti nel fine settimana (ad es. sabato sera e tutta la domenica). I giorni sono indicativi: se per esigenze lavorative o di altro tipo se ne preferiscono altri, si può cambiare.
Nelle 8 settimane successive i pasti cosiddetti “liberi” aumentano di 2 fino ad arrivare alla dieta di mantenimento dove ce ne sono 18 su 21! 🙂 Se desideri indicazioni più precise, scrivimi.
Il referto è molto chiaro ed esaustivo; comprende un elenco personalizzato piuttosto specifico degli alimenti consentiti e quelli da evitare: con un minimo di attenzione, è impossibile commettere errori.

Come preannunciato nelle istruzioni della dieta, ho potuto toccare con mano gli esiti positivi di tale nutrizione già dalla seconda settimana; nonostante l’esito dell’esame abbia confermato la presenza di una infiammazione di discreta entità (certi valori sono decisamente sopra la media!), i ponfi e il prurito sono quasi scomparsi!
Inutile negarti la mia gioia! Mai avrei pensato a tempi di ripresa così rapidi. E ogni giorno che mi ri-alzo “in salute”, la prima frase che mi viene da dire è: “A saperlo primaaaaa!”
Ecco perché ho ritenuto utile narrare anche questa mia ultima esperienza. Spero infatti con i miei racconti di dare speranza e sollievo a chi sta vivendo un cagionevole stato di salute e desidera ripristinare le sue condizioni quanto prima.

Ma la soluzione è valida solo per l’orticaria?

A quanto pare, no! Come indicato dagli studi, tale “cura” viene consigliata anche per chi ha problemi di altro tipo tra cui (riporto sotto l’elenco delle più importanti sintomatologie; per l’elenco completo, vai qui):

  • per l’apparato gastrointestinale: diarrea, dispepsia, colite, gastrite, reflusso gastroesofageo, sindrome del colon irritabile…
  • per l’apparato genito-urinario: candidosi, cistiti, infezioni, mestruazioni abbondanti o dolorose o irregolari…
  • per la cute: acne, dermatite, eczema, eruzioni e/o pruriti cutanei, orticaria… Il controllo delle intolleranze alimentari può essere di aiuto anche nella riduzione delle reazioni tipiche della psoriasi e della dermatite atopica;
  • per il sistema muscolare e articolare: artriti in genere, comprese quelle reattive e psoriasiche, artrite reumatoide, crampi, dolori articolari, mialgie, spasmi, rigidità muscolare, tremore…
  • per il sistema respiratorio: asma, bronchiti, faringite o laringite, riniti, sinusiti, tendenza a ripetere forme infettive…
  • per il sistema nervoso: astenia, emicrania, difficoltà di concentrazione, sindrome da stanchezza cronica, tendenza depressiva, ansia…
  • diabete, metabolismo e obesità
  • altro: edemi, gonfiore delle palpebre, del volto o delle gengive, afte, ronzio auricolare, perdita di udito, tachicardia, anemia… È ormai sicuro che l’interferenza sul sistema immunitario possa contribuire alla nascita di molte malattie autoimmuni o reumatologiche quali artrite reumatoide, morbo di Crohn e colite ulcerativa.

In genere, comunque, qualsiasi disturbo con componente infiammatoria cronica di cui non si riesca a comprendere l’origine dovrebbe far pensare anche a un’infiammazione da cibo.

Niente male per una dieta, non ti pare?!? 🙂

Anche tu presenti almeno uno di questi sintomi?

Se anche tu, come me, stai lottando con uno o più problemi di salute, racconta la tua esperienza qui sotto nei commenti… sarò felice di conoscere e condividere la tua storia.


Che cos’è l’orticaria cronica spontanea

L’orticaria è una dermatite infiammatoria che consiste in una reazione flogistica (immunitaria) della pelle, e si mostra come un’irritazione.

 Il termine “cronica” indica una durata superiore alle 6 settimane, mentre “spontanea” si riferisce a malattia non dovuta a cause esterne note.

Come si manifesta l’orticaria cronica

Il rilascio di istamina e di altri mediatori dell’infiammazione determina un aumento momentaneo della permeabilità dei vasi del derma e dell’ipoderma facendo uscire il plasma negli spazi interstiziali e dando vita a pomfi e angioedemi.

Share on Facebook70Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Tweet about this on Twitter

Nessun commento

Cosa ne pensi? Lascia un commento!

AVVERTENZA

L'autrice non può essere ritenuta responsabile per l'eventuale uso improprio ed errata comprensione delle informazioni fornite in questo blog, o per qualsiasi danno o lesione alla salute, alle finanze o di altro genere, subiti da qualsiasi individuo o gruppo che ritenga di aver agito in base alle informazioni contenute in questo blog. Tutti i suggerimenti e le opinioni inseriti da me in questo sito hanno finalità divulgative e non intendono sostituire il parere del medico igienista. Sconsiglio pertanto il fai da te e la sospensione autonoma di eventuali cure mediche e/o farmacologiche. Inoltre, prima di provare terapie e prodotti naturali o cibi particolari, occorre accertarsi che questi non interferiscano con altri rimedi (medicinali e non) già in uso e che siano compatibili con eventuali intolleranze o allergie. Se il lettore nutre dubbi sul proprio stato di salute è bene che si rivolga al medico in grado di avere tutte le conoscenze e competenze necessarie allo scopo. NOTA. A tutti coloro che si avvicinano alle pratiche naturali, segnalo che gli igienisti (fra cui il dott. Ettore Hyeraci) promuovono l’autogestione della propria salute; si precisa comunque che tale condizione necessita di una preparazione adeguata conseguibile con specifiche letture e partecipazione a seminari o incontri specifici.

Ti potrebbe interessare