Riacquistare la salute: 3 regole praticabili all’istante

Pensiero positivo/ Tutti gli articoli
Share on Facebook47Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Tweet about this on Twitter

Voglio essere chiara da subito: per riacquistare la salute bisogna impegnarsi e lavorare sodo. È un percorso lungo alla scoperta di se stessi. Nel libro Nati per vivere sani, il medico Roy Martina lo spiega con queste semplici parole: “la salute si ottiene conoscendo i propri limiti e superandoli”.

Ora il nocciolo della questione è: come? Ecco 3 semplici regole che ho applicato personalmente e che possono aiutarti nell’intento.

Questione di metodo

Il trucco sta nell’avere disciplina. Devi diventare studente di te stesso. Devi scoprire il metodo giusto da applicare per raggiungere il tuo obiettivo. Se desideri qualcosa, devi capire quale procedimento mentale adottare per ottenerlo.

Vado nel concreto. Bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno è uno dei miei obiettivi quotidiani. Il problema è che non mi viene istintivo; difficilmente ho sete, e questo per me era un grosso problema. Quindi ho dovuto trovare un espediente che mi obbligasse a bere anche senza sentirne il bisogno. Vuoi sapere come ci sono riuscita? Dopo vari esperimenti, da brava donna con la vescica fragile, ho deciso di mettere una bottiglia d’acqua proprio sopra al coperchio del mio WC. Beh, effettivamente non è molto elegante, ma funziona! Ogni volta che vado in bagno, bevo e raggiungo così il mio obiettivo.

Questo è un semplice esempio su come affrontare un proprio limite e superarlo trovando il proprio metodo. Ovviamente solo tu sei in grado di farlo; solo tu ti conosci così bene da poter fare ciò. Quindi pensa a un obiettivo che non ti è mai riuscito raggiungere e vai per tentativi fino a che non troverai il modo che ti permetterà di arrivare alla meta.

Vincere le proprie convinzioni negative

Quante volte ti sei detto “non riesco”, “non ce la faccio”, “sono un disastro”, “non sono abbastanza intelligente… forte… capace”? Queste convinzioni non fanno altro che ostacolare le energie (spesso già al limite) impegnate a riacquistare la salute.

Ti svelo un segreto. Se sei convinto di una cosa, è la convinzione stessa a renderla vera!

Allora che fare? Il trucco è cambiare pensiero ripetendoti costantemente affermazioni positive. Prova a ribaltare i meccanismi della tua mente e vedrai che andrà tutto meglio. Il video qui sotto potrebbe essere un buon punto di partenza: mettilo in memoria sul tuo cellulare e ascoltalo ogni volta che ti è possibile. 😉

Fare attenzione alle scelte

La mancanza di salute spesso è il risultato delle nostre azioni e del nostro comportamento. Se non vuoi quindi più farti travolgere dalla malattia, l’unica soluzione è prendere provvedimenti.

Fatti un esame di coscienza. Ti alimenti in modo scorretto? Reprimi i sintomi con i farmaci dando libero sfogo agli effetti collaterali? Non elimini sufficientemente tossine? Ti esponi eccessivamente a radiazioni elettromagnetiche (cellulare, elettricità, computer…)? Non fai abbastanza attività fisica (o ne fai troppa)?

Personalmente ho preso in considerazione tutti questi elementi e ho aggiustato i vari tiri. Naturalmente non ho fatto tutto da sola: ho chiesto aiuto a specialisti e letto molti libri su i vari argomenti e poi ho agito fino a trovare la strada giusta che mi ha riportata al benessere.

Riacquistare la salute: la tua opinione

Queste pratiche regole desiderano farti diventare responsabile della tua salute. Devi solo uscire dagli schemi e abbandonare quelle cattive abitudini che ti hanno condotto alla malattia. Allora, cosa ti rende prigioniero? Non ti preoccupare, non sei un’eccezione. Lascia qui sotto la tua esperienza o la tua opinione nei commenti.

Offerta
Nati per vivere sani. Ognuno è responsabile della propria salute

Roy Martina - Tecniche Nuove - Copertina flessibile: 162 pages

14,90 EUR - 2,24 EUR 12,66 EUR
Share on Facebook47Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Tweet about this on Twitter

2 Commenti

  • Rispondi
    franconirvana
    16 maggio 2019 at 23:35

    Come ci riporta il Prof. Franco Berrino: “Se mangiamo male, e assumiamo farmaci, forse è meglio se beviamo un po’ di più“.
    Se, invece, seguiamo un’alimentazione sana e bilanciata, basata principalmente su zuppe, cereali integrali, verdure e frutta, l’apporto di acqua ci viene in gran parte proprio dal cibo. In tal caso non abbiamo bisogno di bere tanto: possiamo idratarci senza affaticare in nostri reni.

    • Elena Castellari
      Rispondi
      Elena Castellari
      20 maggio 2019 at 19:24

      Ciao Franco,
      grazie per questa citazione… adoro (e seguo) il Prof. Berrino! 🙂
      Mi sento di aggiungere inoltre che la stagione può fare la differenza oltre, naturalmente, alla diversità di ogni individuo: se una persona tende a sudare molto, per mantenere l’equilibrio idrico del corpo ha bisogno di bere più di altri.
      Grazie dell’approfondimento.
      Un caro saluto

    Cosa ne pensi? Lascia un commento!

    AVVERTENZA

    L'autrice non può essere ritenuta responsabile per l'eventuale uso improprio ed errata comprensione delle informazioni fornite in questo blog, o per qualsiasi danno o lesione alla salute, alle finanze o di altro genere, subiti da qualsiasi individuo o gruppo che ritenga di aver agito in base alle informazioni contenute in questo blog. Tutti i suggerimenti e le opinioni inseriti da me in questo sito hanno finalità divulgative e non intendono sostituire il parere del medico igienista. Sconsiglio pertanto il fai da te e la sospensione autonoma di eventuali cure mediche e/o farmacologiche. Inoltre, prima di provare terapie e prodotti naturali o cibi particolari, occorre accertarsi che questi non interferiscano con altri rimedi (medicinali e non) già in uso e che siano compatibili con eventuali intolleranze o allergie. Se il lettore nutre dubbi sul proprio stato di salute è bene che si rivolga al medico in grado di avere tutte le conoscenze e competenze necessarie allo scopo. NOTA. A tutti coloro che si avvicinano alle pratiche naturali, segnalo che gli igienisti (fra cui il dott. Ettore Hyeraci) promuovono l’autogestione della propria salute; si precisa comunque che tale condizione necessita di una preparazione adeguata conseguibile con specifiche letture e partecipazione a seminari o incontri specifici.

    Ti potrebbe interessare