Se hai fretta… è perfetto!

Le mie ricette trofo/ Tutti gli articoli
Share on Facebook0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Tweet about this on Twitter

Ciao trofetti! Oggi vi propongo un piatto per tutte le stagioni… semplice, veloce e accettabile in una seconda fase di cura (nella prima sarebbe meglio evitare ogni tipo di carne, pesce compreso).
L’idea l’ho avuta da un ristorantino di Roma e ora fa parte della mia dieta.

Il bello è che non si deve neanche cuocere e quando ho fretta o non ho voglia di stegamare, è perfetto!

SALMONE CON RUCOLA E POMODORINI

  • salmone a fette 50-100 g (in base alle necessità proteiche personali)
  • rucola 20-30 g
  • finocchio coltivato 2-3 foglie
  • pomodorini maturi 6
  • semi di papavero 1 cucchiaio
  • succo di limone 1 cucchiaino
  • sale grosso integrale 1 macinata
  • olio extravergine d’oliva (meglio se di prima spremitura a freddo) 2-3 cucchiai

Prendere il salmone (si trova già tagliato a fette nei banco-frigo dei supermercati), adagiarlo nel piatto e spruzzarci sopra il succo di limone. Lavare bene in acqua fresca la rucola (2-3 risciacqui, ma senza tenerla in ammollo per troppo tempo, perché perde le sue proprietà), scolarla bene e metterla sopra al salmone. Aggiungere i pomodorini (puliti, ovviamente) e il finocchio ben lavato e tagliato a fette sottili (io mi aiuto con la mandolina dell’affettatutto… utilissimo e mi fa risparmiare un sacco di tempo!!!). Condire con olio extravergine d’oliva, una macinata di sale grosso e i semi di papavero.

Mi raccomando, se NON STATE BENE, l’aceto è sconsigliato dalla trofogastronomia (vale anche per il balsamico!)

Aggiornamento: 06/01/2020

Share on Facebook0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Tweet about this on Twitter

Nessun commento

Cosa ne pensi? Lascia un commento!

AVVERTENZA

L'autrice non può essere ritenuta responsabile per l'eventuale uso improprio ed errata comprensione delle informazioni fornite in questo blog, o per qualsiasi danno o lesione alla salute, alle finanze o di altro genere, subiti da qualsiasi individuo o gruppo che ritenga di aver agito in base alle informazioni contenute in questo blog. Tutti i suggerimenti e le opinioni inseriti da me in questo sito hanno finalità divulgative e non intendono sostituire il parere del medico igienista. Sconsiglio pertanto il fai da te e la sospensione autonoma di eventuali cure mediche e/o farmacologiche. Inoltre, prima di provare terapie e prodotti naturali o cibi particolari, occorre accertarsi che questi non interferiscano con altri rimedi (medicinali e non) già in uso e che siano compatibili con eventuali intolleranze o allergie. Se il lettore nutre dubbi sul proprio stato di salute è bene che si rivolga al medico in grado di avere tutte le conoscenze e competenze necessarie allo scopo. NOTA. A tutti coloro che si avvicinano alle pratiche naturali, segnalo che gli igienisti (fra cui il dott. Ettore Hyeraci) promuovono l’autogestione della propria salute; si precisa comunque che tale condizione necessita di una preparazione adeguata conseguibile con specifiche letture e partecipazione a seminari o incontri specifici.

Ti potrebbe interessare