Sfogliatine di spinaci senza lievito

Alimentazione naturale/ Le mie ricette trofo/ Tutti gli articoli
Share on Facebook45Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Tweet about this on Twitter

Dopo qualche settimana di assenza, rieccomi con una ricetta speciale, perfetta anche per il pranzo di Pasqua.

L’idea nasce dall’esame del capello che ho eseguito non molto tempo fa. Sai di cosa si tratta? In sostanza serve per indagare sulle intolleranze alimentari.
Attendibilità a parte, l’esito ha rilevato una sensibilità al lievito!!!
Effettivamente qualche dubbio ce l’avevo anche prima, quindi ho pensato di sospenderlo per un po’ di tempo e vedere come va.
Non nego un primo momento di sconforto (addio pizza!) ma superato il “trauma” iniziale mi sono messa al lavoro e ho preparato, insieme all’amica Gabriella, queste buonissime sfogliatine agli spinaci.

A prescindere dalle intolleranze, credo sia una ricetta davvero ottima e in grado di mettere d’accordo tutti i commensali. Provare per credere!

Ingredienti

(ricetta di Gabriella Santucci ed Elena Castellari)

  • farina di kamut integrale 200 g
  • spinaci 60 g
  • acqua minerale naturale 45 g
  • olio evo 25 g
  • sale marino integrale 2 pizzichi

Preparazione

Lava e monda gli spinaci e asciugali bene con della carta assorbente. Inseriscili in un robot a lame insieme alla farina e trita per 30-40 secondi. Aggiungi poi l’olio, l’acqua, il sale e impasta. Stendi poi l’impasto ottenuto (1,5 mm di spessore) con un mattarello e, con l’aiuto di uno stampino crea le sfogliatine. Spennella leggermente con l’olio e cospargi poco poco di sale.
Inforna poi per 10-15 minuti a 180 gradi (occhio … il tempo dipende molto dal forno!).
Il risultato è ottimo, ti assicuro … e non ho sentito affatto la mancanza del pane lievitato.

Varianti

Se la presenza degli spinaci nell’impasto non ti convince, non riscontra i tuoi gusti o più semplicemente desideri proporre più sapori, puoi sempre usare della cipolla precedentemente appassita, dei pomodorini essiccati o un trito di olive.
Le varianti possono essere innumerevoli, basta solo un po’ di fantasia.

Inoltre, se vuoi, puoi dare alle sfogliatine la forma di un cestino… basta cuocere il “quadrato” sul retro di uno stampino da muffin, precedentemente unto. Come riempirlo poi lo decidi tu: verdure, uova, pasta, formaggio… dai libero sfogo alla tua creatività!
Hai qualche idea da suggerirmi? Non esitare a scriverla nei commenti. 🙂

P.S.

Dimenticavo… buona Pasqua a te e ai tuoi cari! :*

Share on Facebook45Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Tweet about this on Twitter

Nessun commento

Cosa ne pensi? Lascia un commento!

AVVERTENZA

L'autrice non può essere ritenuta responsabile per l'eventuale uso improprio ed errata comprensione delle informazioni fornite in questo blog, o per qualsiasi danno o lesione alla salute, alle finanze o di altro genere, subiti da qualsiasi individuo o gruppo che ritenga di aver agito in base alle informazioni contenute in questo blog. Tutti i suggerimenti e le opinioni inseriti da me in questo sito hanno finalità divulgative e non intendono sostituire il parere del medico igienista. Sconsiglio pertanto il fai da te e la sospensione autonoma di eventuali cure mediche e/o farmacologiche. Inoltre, prima di provare terapie e prodotti naturali o cibi particolari, occorre accertarsi che questi non interferiscano con altri rimedi (medicinali e non) già in uso e che siano compatibili con eventuali intolleranze o allergie. Se il lettore nutre dubbi sul proprio stato di salute è bene che si rivolga al medico in grado di avere tutte le conoscenze e competenze necessarie allo scopo. NOTA. A tutti coloro che si avvicinano alle pratiche naturali, segnalo che gli igienisti (fra cui il dott. Ettore Hyeraci) promuovono l’autogestione della propria salute; si precisa comunque che tale condizione necessita di una preparazione adeguata conseguibile con specifiche letture e partecipazione a seminari o incontri specifici.

Ti potrebbe interessare